sabato 14 settembre 2013

2

Sul comodino..

Posted in , , , , , , , , , ,


Hi Girls!!
Oggi ho pensato di scrivere un post su una mia grande passione, ovvero i libri!
Mi piaceva l'idea di condividere qualcosa di più profondo e riflessivo, qualcosa che parla di me e che mi ha sempre caratterizzato. Fin da bambina ho sempre amato leggere, e ho dei meravigliosi ricordi dei pomeriggi passati in biblioteca a scegliere un libro da leggere. Avendo cominciato alle elementari ricordo ancora la semplicità e la tenerezza dei primi  piccoli libri, e ricordo anche quando piano piano cominciai a leggere i primi romanzi per ragazzi appassionandomi sempre più e passando interi pomeriggi a sfogliare le pagine consunte con curiosità e trepidazione. Il ricordo più dolce che ho del mio primo approccio alla lettura è senz'altro quello del romanzo che raccontava la storia di Luna, una giovane ragazza che era in cerca della madre. Mi piacque così tanto che da quel momento capì che non sarei più riuscita a smettere di leggere.
Nel tempo la mia passione è cresciuta sempre di più tanto da avvicinarmi anche alla scrittura che adesso amo quanto me stessa. E' la mia valvola di sfogo, è il solo modo che conosco per esprimere tutto quello che ho dentro quando nemmeno io trovo le parole per farlo.
Per me leggere è come immergermi in un sogno, scrivere invece è come guardare allo specchio la realtà!
Mi piacerebbe raccontarvi tante altre cose della passione che il mio primo amore,la lettura, mi ha regalato ma spero di poterne parlare in un altro post in seguito perchè l'argomento di oggi è un altro. L' ho anticipato nel titolo e adesso ve lo ripropongo:

QUALE LIBRO C'E' SUL COMODINO?! 

Io ho da poco terminato l'ultimo strappalacrime romanzo di N. Sparks: La risposta è nelle stelle.
L'autore di bestsellers più noto d'america (e non) mi ha conquistata parecchio tempo fa e da allora ho letto la maggior parte dei suoi libri. (Si perchè, non so come faccia ma ne scrive davvero tanti!)
Ad ogni modo il mio ragazzo conosce molto bene ormai il mio amore idilliaco verso Sparks per cui è stato lui a regalarmi quasi tutti i suoi libri, e anche stavolta di fronte alla mia felicità per l'ultima uscita, non mi ha deluso.
Ho finito di leggerlo in fretta, e devo dire che mi è piaciuto ma senza esagerare. Insomma devo confessare che non ci ho trovato la magia che ero solita sentire, forse perchè la trama mi è sembrata un pò troppo irreale o perchè la dimensione narrata non è stata poi tanto diversa dalle altre. Peccato.
In effetti il genere Sparks forse comincia a stancarmi, già tempo fa infatti ho cominciato a spaziare per genere e devo dire che spesso sono rimasta colpita e affascinata da libri che ho cominciato a leggere persino dubbiosa che sarei riuscita a finirli. Ne cito uno su tutti che potrebbe far aggrottare la fronte a sentirlo ma che invece si è rivelato un romanzo forte e sentimentale allo stesso tempo: L'armata perduta- di V.M. Manfredi!

Ad ogni modo, archiviato Sparks ho deciso di gettarmi su un genere completamente diverso, ovvero una commedia Shakespiriana quale Il mercante di Venezia.
Essendo scritto intorno al 1600 il linguaggio non è certo semplice e colloquiale, e talvolta ho bisogno di rileggere qualche frase più di una volta ma devo dire che non è affatto noioso come si potrebbe pensare. Al contrario lo trovo appassionante e divertente e nonostante sia un testo teatrale l'approccio alla lettura e ai personaggi non è affatto diverso da quello che si può instaurare con un romanzo dei giorni nostri.
Ma d'altronde, scusate se è poco, parliamo di Shakespire!!

Spero davvero di incontrare qualcuna di voi che condivida questa grande passione con me e che abbia voglia di suggerirmi quale nuovo libro tenere sul comodino!!  Un bacio a tutte!

2 commenti: